Satoro Iwata, Nintendo, il gioco e l’esistenza

Si è spento a soli 55 anni Satoro Iwata, l’uomo che ha descritto alla presidenza della Nintendo la parabola dell’ultimo decennio della casa giapponese. Dal successo del marchio Wii, alla sua messa in discussione in un mercato troppo veloce per qualsiasi preanalisi. Un manager del virtuale sempre alla ricerca del suo verso umano, al di là dei numeri, del marketing e del fatturato

“Desidero che i ragazzini si divertano con i videogiochi, ma devono anche avere altri passatempi . Quand'ero bambino mi piaceva qualsiasi tipo di gioco e penso che sia stata un'esperienza molto costruttiva.”.

Ecco, forse questa è la domanda che si è posta Iwata nell’ultimo decennio. Come far immergere le persone nei videogiochi lasciandole però connesse al mondo reale. Una risposta fu la Wii, che scelse il movimento come atto umano all’interno del videogioco.

In ogni caso, non intendo trascurare le preoccupazioni sul rischio di essere assorbiti totalmente dai videogiochi. Ecco perché Nintendo ha incoraggiato con forza la comunicazione interpersonale tramite i giochi.”

Un mondo virtuale che aggiunga all’umano, e non semplicemente sottragga. Questo era il sogno di Iwata. Un mondo che ancora poteva essere parte di un bambino e della sua vita, non riempirla. Un mondo in cui il videogioco era qualcosa adatto ad essere trasportato sul cestino di una bicicletta. Non un oggetto cult, come il mondo I-apple

Apple è chiaramente una società high-tech, mentre Nintendo si occupa di intrattenimento, pertanto il nostro elenco di priorità è piuttosto diverso. Per esempio, se un nostro prodotto deve essere più resistente, lo facciamo mezzo millimetro più spesso senza esitazioni. Invece, penso proprio che Apple non abbia bisogno di svolgere ripetutamente test di resistenza, facendo cadere l'iPod da un'altezza pari a quella del cestino della bicicletta.”

Ecco, Iwata, così prematuramente scomparso, non è riuscito a dare risposte manageriali a tutto ciò. Lui, che proiettato da semplice sviluppatore aveva immaginato un mondo nuovo risollevando le sorti di una azienda in fallimento, ha lasciato prematuramente un mondo di videogiochi che lentamente sta diventando troppo arrogante per quello che lui era. Così la battaglia non è stata combattuta fino alla fine, un po’ perché non ha fatto in tempo, un po’ perché per la malattia fulminea e devastante che l’ha colpito,, è stato impegnato in un'altra corsa, persa purtroppo.

A ricordarlo nelle sue tappe di progresso, ci penserà il mondo della tecnologia, per quel che riguarda la cultura, rimane quel suo saper continuare a concepire un umano, in un mondo virtuale, prima dei conti del  manager. La sua vita è stata sempre impregnata di tutte le sue esperienze. Così come ricorda la sua frase più celebre… “Sul mio biglietto da visita, sono il presidente di una società. Nella mia mente, sono un programmatore. Ma nel mio cuore, sarò sempre un videogiocatore.” Troppo, forse…

Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
Alla Casa delle Culture si svolge Sabato 14 Ottobre la Giornata del Contemporaneo
Inaugurazione Domenica 8 Ottobre 2017 ore 18.00 - Casa delle Culture
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017