Keynes, quello di Bloomsbury

Il genio e la crisi. Nella Bloomsbury psichedelica e trasgressiva degli anni trenta, Keynes annunciò la via nuova per uscire dalla crisi economica che attanagliava il mondo.

Crisi e mondo. Noi, oggi, cerchiamo la via per uscire guidati da ragionieri, forse è proprio questo il problema... L'ultima grande crisi prima di questa, fu quella degli anni trenta. Se ne uscì, la via per uscirne però non la tracciarono quelli bravi con le forbici e il bilancino, ma un genio dalla vita assai sregolata.

Proprio negli anni in cui  l'Italia a dirla con Churchill "minacciava il mondo con una pistola scarica" un intellettuale anomalo andava trasformando manuale e FAQ dell'economia globale. Se immaginate un matematico barbone e pedante, tipo Marx, siete fuori strada perché quel tale forgiava dottrine a Bloomsbury,  fra le due guerre non solo crocevia di vicoli londinesi ma anche allucinogeno di arte,  economia, chiacchiera e sensazioni proibite. Un cocktail di visioni nuove, effetto psichedelico anni settanta.

Oltre le derivate e le piramidi dei vecchi economisti. Oltre, il liberismo fideistico,  il determinismo e  il marginalismo  John Maynard Keynes esplorò un esistere il cui motore erano... i castelli in aria. 

Nell'anemia   dei bilanci statali che dovevano per forza tendere al pareggio, nell'apatia del non intervento, della certezza che il mercato  è “bene” anche se le miserie delle periferie sono “male”, Keynes mostrò il sudore su una strada in costruzione come bene economico fruttifero, da anteporre all’inerzia caritatevole. Nuovi modi di guardare il mondo. Tratti di matita per milioni d'investimento. John Maynard Keynes diventò ricchissimo, spazzando via secoli e secoli di studi  sul rischio. Reddito non è l’inchiostro del passato, cioè i bilanci, ma l'aspettativa. A muovere l'economia  non sono i conticini dei bottegai, il dare e l'avere, ma i passatempi dei garzoni e i regali che le loro fidanzate vorranno. Castelli in aria, visioni geniali, mettetela come volete.

Tutto questo mutamento di visione epocale  mentre a Bloomsbury strascorrevano giornate e nottate di sensazioni a volte esagerate, a volte proibite, con personaggi che cambiavano il mondo della cultura come Virginia Woolf, Edward Blake, Ralph Vaughan Williams.

Poi venne una guerra, Bloomsbury, le stanze, i luoghi, furono cancellate dalle bombe Hitleriane. Il mondo mutò e l'uomo che ne aveva cambiato i meccanismi del pensare economico, Keynes morì assistito dalla moglie e dagli scampati di Bloomsbury, nel 1946. Una fine leggera, per un genio economico che al momento appare irripetibile.
Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
Alla Casa delle Culture si svolge Sabato 14 Ottobre la Giornata del Contemporaneo
Inaugurazione Domenica 8 Ottobre 2017 ore 18.00 - Casa delle Culture
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017