Coaching: un aiuto per migliorarsi

Il coaching è una strategia di formazione che, partendo dall’unicità dell'individuo, si propone di operare un cambiamento, una trasformazione che possa migliorare e amplificare le potenzialità per raggiungere obiettivi personali, di team, manageriali e sportivi.

Coaching: la guida per l'efficienza

Coaching: è una relazione processuale che vuole offrire al cliente strumenti che gli permettano di elaborare ed identificare i propri obiettivi e rafforzare la efficacia e la prestazione.

Presupposto di partenza è che ogni persona abbia delle potenzialità latenti, l'obiettivo del coach è quello di scoprirle ed insegnare al cliente come utilizzarle.

Persone che vogliono vivere con maggiore soddisfazione la loro vita, e raggiungere obiettivi significativi, genitori, adolescenti, imprenditori, manager, insegnanti, atleti e a tutti coloro che desiderano migliorare le performance e raggiungere obiettivi particolarmente impegnativi.

In un rapporto di coaching l'allenamento e la valorizzazione delle potenzialità personali permette di inquadrare l'essenza stessa del coaching: accompagnare la persona verso il massimo rendimento attraverso un processo autonomo di apprendimento. I vantaggi del focalizzarsi sul positivo, poiché muovendosi in tal senso e orientandosi sulle soluzioni future si facilita il cambiamento verso la direzione desiderata. Per questo ci si interessa alla soluzione, piuttosto che al problema.

Le situazioni eccezionali possono suggerire le soluzioni. Il soggetto tende talora a considerare la risoluzione di situazioni difficili incontrate in passato come dovuta prevalentemente al caso (fortuito). Talora si tratta di fortuna, ma più spesso il soggetto sottovaluta i suoi sforzi e la sua capacità di influenzare gli eventi. Il riesaminare queste azioni passate può suggerire possibili – e ripetibili – soluzioni..

Il cambiamento accade di continuo e nulla (e nessuno) è mai lo stesso. Non è vero che le situazioni e/o le persone non cambiano mai. Assoluti sulle situazioni o sul comportamento delle persone non esistono. Piccoli cambiamenti aprono il passaggio verso cambiamenti più grandi. I soggetti quasi sempre provano a risolvere i problemi o a raggiungere gli obiettivi per conto loro. Rivedendo insieme al coach le loro strategie e individuando insieme iniziali cambiamenti di calibro limitato, il soggetto si può muovere in varie direzioni, e attraverso diversi piccoli interventi pavimentare la strada a cambiamenti di valore più ampio. La cooperazione tra cliente e coach è fondamentale. I clienti spesso arrivano affermando nessuna soluzione è possibile per i loro problemi. Questo non significa che non desiderino più che mai cambiare la condizione in cui si trovano. Tale posizione viene talora considerata “resistenza”. Si tratta di legittime paure che l coach dovrà aiutare a superare.  L’aver tentato tante volte di cambiare senza successo corrode a poco a poco le speranze e quindi il soggetto, pur desiderando il cambiamento, ha perso fiducia nelle sue capacità di crearlo. Si scoprirà insieme nuove strade, poiché ce ne sono sempre.In generale, la gente è piena di risorse. Talora c’é solo bisogno di un po’ di appoggio, di una persona con cui dare corpo a strategie che in forma embrionale esistono già nella nostra mente.

Per questo il life coach punta sulle capacità, oltre al desiderio, che il soggetto ha dentro di se' per agire, risolvere, superare ostacoli, creare, e muoversi nella direzione giusta. L’esperienza che facciamo di un problema dipende da come percepiamo tale problema, ovvero il significato e l’esperienza (di un dato problema o un dato obiettivo) vengono costruiti dall’interagire dell’uno con l’altra. A seconda della situazione, del momento, dell’umore noi percepiamo una situazione, un segno, un’azione in un modo piuttosto che in un altro.

Se si cambia il significato (cioè cioè che pensiamo di una certa situazione o condizione), talora può anche succedere che certi problemi non siano più tali, o che la soluzione ci appaia improvvisamente, spesso in forma semplice e facilmente realizzabile. Questo postulato, che appare così ovvio, nella vita quotidiana viene quasi sempre ignorato. Il risultato è che trasformiamo in verità oggettiva le nostre esperienze soggettive. Esiste una relazione circolare tra azioni e descrizioni. In altre parole, se io descrivo le difficoltà della mia azienda come dovute al comportamento dei miei dipendenti che sono degli scansafatiche, probabilmente deciderò di agire punendoli, creando opportunità per licenziarli, rendendo la loro giornata lavorativa il più spiacevole possibile, eliminando i bonus, facendo tutto ciò che mi è possibile fare senza incorrere troppo nell’ira dei sindacati.

Il risultato punitivo sarà che i dipendenti cercheranno di fare ancor meno, e malamente, ma continueranno a trascinarsi a lavoricchiare quel tanto che basta per evitare il licenziamento. Aiutare a trovare altri modi di descrivere e quindi di rapportarsi al problema, porta a risultati diversi e spesso molto più positivi. La responsabilità della corretta percezione dei significati, nella relazione tra soggetto e coach è (salvo rare eccezioni) una responsabilità del coach stesso. Ovvero, se il soggetto interpreta quello che il coach dice o fa in maniera differente da quello che il coach si aspetta, è compito del coach trovare il modo di non farsi fraintendere Tra i piu’ noti mental coach, esperti nello sviluppo personale  al mondo voglio ricordare l’italiano Roberto Re , e lo statunitense Anthony Robbins , che fino ad oggi continuano a portare queste discipline avanti con immenso successo , aiutando migliaia di persone fra cui persone di rilevanza artistica e politica come sportivi attori e presidenti .

ZACCARDI DONATO

 

 

Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
Alla Casa delle Culture si svolge Sabato 14 Ottobre la Giornata del Contemporaneo
Inaugurazione Domenica 8 Ottobre 2017 ore 18.00 - Casa delle Culture
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017