Le politiche culturali nel Sud Mediterraneo

La rivista Giornale di Storia Contemporanea colma uno spazio vacante nella ricerca e studi sulle culture delle società a prevalenza islamica nella riva sud del Mediterraneo.

Le Politiche Culturali nel Sud Mediterraneo

La biblioteca italiana soffre della scarsezza di saggi originali sule realtà culturali del Medioreinte. La maggior parte delle ricerche rimangono connesse agli specialisti e universitari. Ne è dimostrazione la limitata pubblicazione di traduzioni di saggi e romanzi di autori arabi direttamente dalla lingua originale. Malgrado la turbulenza della regione, dopo le cosiddette Primavere arabe, le analisi e gli studi sulla nuova realtà mediterranea comparse nelle librerie sono prevalentemente delle traduzioni.

Ad avviare un'operazione per colmare questo gap, arriva un numero monografico della rivista periodica: “Giornale di Storia Contemporanea”, dedicato interamente alle Politiche culturali nella sponda sud del Mediterraneo. Un lavoro a più mani di ricercatori universatori, che presentandosi nella forma di una rivista, pur specialistica, lo porta all'attenzione di un vasto pubblico.

Già nell'introduzione, Leila El Hossi mette le mani avanti sottolineando le difficoltà che in occidente hanno ottenuto gli studi sulla relatà orientale. Citando Georges Corm, l'economista e storico libanese, ricorda che il Medio Oriente è “un'entità geopolitica che agli occhi del grande pubblico occidentale che resta una nebulosa difficilmente decifrabile” e richiamando l'analisi del filosofo palestinese, Edward Said, nel suo libro fondamentale, Orientalismo, sostiene che quella visione annebbiata è il prodotto di quel trend culturale che ha accostato gli arabi e il Medio Oriente a un immaginario collettivo fondato su stereotipi affermati nel periodo coloniale e non sono mai cessati ad imprimere la loro impronta anche nelle fasi successive.

I paesi studiati dagli autori sono Tunisia, Egitto, Turchia e Marocco. Sono analizzati storicamente i rapporti tra potere politico e intellettuali, confutata la teoria del deficit democratico arabo, sottolineate le motivazioni funzionali e strumentali delle poltiche culturli dei regimi dittatoriali e definiti i limiti di quelle delle relatà politiche nate dalle rivolte del 2011. Una particolare attenzione è stata data alla relazione tra visioni della forma dello Stato, laicisimo e le diverse influenze della fede religiosa e il riflesso di queste forme statuali e le politiche culturali nazionali.

Possiamo dire – in sintonia con la conclusione dell'Introduzione - “Dall’analisi di questi saggi si evince quanto la pluralità di questi mondi, rigorosamente declinati al plurale sia profondamente complessa. Una complessità che si rivela nelle ricostruzioni storiche dei paesi di questa regione da cui si desume la presenza di una profonda crisi delle società. Un malessere che non nasce dal cambiamento apportato dalle Primavere arabema da radici ben più profonde che affondano nelle politiche liberticide dei dittatori”.


Farid Adly


Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
Alla Casa delle Culture si svolge Sabato 14 Ottobre la Giornata del Contemporaneo
Inaugurazione Domenica 8 Ottobre 2017 ore 18.00 - Casa delle Culture
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017