Visti per voi: Henri Cartier-Bresson a Monza

Fino al 26 febbraio, le sale della Villa Reale di Monza ospiteranno una mostra dedicata al fotografo francese Henri Cartier-Bresson. Centoquaranta immagini impresse su carta fotografica illustreranno il percorso professionale del precursore del fotogiornalismo.

detail

Prostitute. Calle Cuauhtemoctzin, Città del Messico, Messico 1934

Copyright:

© Henri Cartier-Bresson / Magnum Photos


Le istantanee sono tutte in bianco e nero, la maggior parte di queste rappresenta scene di vita quotidiana: bambini che giocano in strada, corpi distesi su una spiaggia al sole, sguardi di donne ammiccanti rivolti verso l’obiettivo. Ma oltre a queste fotografie, ci sono anche quelle che hanno consacrato Bresson come il primo tra i foto reporter. Egli ha infatti assistito a momenti unici e storici: il funerale di Gandhi in India, il trionfo di Mao Tze Tung in Cina, la Russia di Kruscev e l’America della Grande Depressione. L’uomo giusto al momento e posto giusto.


Forse ad aiutare Bresson a catturare l’istante perfetto, era proprio quella sua ossessione per la ricerca dell’attimo in cui occhio, cuore e mente sono allineati e, grazie al supporto della macchina fotografica, fissano l’immagine sulla pellicola, rendendola eterna.


Per non farsi sfuggire proprio nulla, andava a caccia di scatti con appese al collo tre fotocamere. L’artista, inoltre, effettua rarissimamente delle modifiche durante la fase di post-produzione. Per Bresson era necessario che la fotografia rispecchiasse il momento in cui era stata scattata e che ne rispettasse la spontaneità.

 

Ogni volta che premo il pulsante dello scatto, è come se conservassi ciò che sta per sparire".

Viale del Prado, Marsiglia, Francia 1932

Copyright:

© Henri Cartier-Bresson / Magnum Photos

1 commenti

Angela Ippolito :
Grazie Massimo Chisari... | domenica 15 gennaio 2017 12:00 Rispondi
Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
Alla Casa delle Culture si svolge Sabato 14 Ottobre la Giornata del Contemporaneo
Inaugurazione Domenica 8 Ottobre 2017 ore 18.00 - Casa delle Culture
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017