Museo di Narni, un museo civico allestito in una dimora del 1700

Il Museo di Narni è un museo civico allestito all'interno di una dimora nobiliare del 1700. All'interno c'è una collezione che offre la possibilità di ammirare la storia evolutiva della città dall'antichità fino all'epoca moderna.

Il museo propone reperti e opere di grande pregio e manifattura:
le zanne di un elephas antiquus, risalenti a 700.000 anni fa, una mummia egizia con il sarcofago del IV secolo a.C. e la collezione archeologica romana e medievale tra cui spiccano la coppa bronzea originale della fontana maggiore di Narni del 1303 e il calco in gesso della statua del Donatello dedicata al Gattamelata; la visita prosegue in pinacoteca al II piano dove troviamo opere di artisti che hanno lasciato a Narni produzioni di grande valore storico e artistico tra cui Pierantonio Mezzastris, Livio Agresti, Antoniazzo Romano.

Una sala dedicata ospita due grandi capolavori del Rinascimento italiano: "L'Incoronazione della Vergine" del Ghirlandaio e "L'Annunciazione" di Benozzo Gozzoli.

Tutto il circuito museale è dotato inoltre di una esauriente pannellistica e di video di approfondimento sulla collezione e la città. All'interno del percorso vi è un allestimento permanente dedicato a bambini e ragazzi: "Un Museo a misura di bambino". Il percorso è rappresentato da tre cassettiere tematiche, o totem, che approfondiscono tre importanti periodi storici presenti al Museo; in ogni postazione, allestita con tavoli e seggioline per bambini, i piccoli visitatori hanno la possibilità di scegliere sei diverse attività divertenti e creative.

Per maggiori informazioni:  0744.717117
  narni@sistemamuseo.it .
Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017
Il giovane fotografo acquedolcese torna alla Casa delle Culture in una personale dedicata ai ritratti.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017