Premi Svizzeri teatro: ticinese la più nota scenografa d'Italia

I premi svizzeri di teatro 2015, attribuiti per la seconda volta dall'Ufficio federale della cultura (UFC), andranno agli attori Brigitte Rosset e Robert Hunger-Bühler, all'artista Maya Bösch, al laboratorio di drammaturgia Dramenprozessor, alla compagnia Karl’s kühne Gassenschau e alla scenografa ticinese Margherita Palli. Il vincitore del premio principale verrà reso noto in occasione della cerimonia di consegna.

I riconoscimenti verranno attribuiti durante la seconda edizione dell'Incontro svizzero del teatro, il 28 maggio al Theater Winterthur. Sarà presente anche il consigliere federale Alain Berset, che consegnerà il premio principale "Gran Premio svizzero di teatro/Anello Hans Reinhart" dotato di 100'000 franchi.

I due premi della categoria attore/attrice eccezionale, dotati di 30'000 franchi ciascuno, vanno quest'anno a Brigitte Rosset e Robert Hunger-Bühler. La prima recita nella compagnia della Comédie de Genève, mentre il secondo fa parte dell'organico dello Schauspielhaus di Zurigo dalla stagione 2002/03.

Gli altri riconoscimenti, dotati di 30'000 franchi per le persone e di 50'000 per le istituzioni, vanno a chi si è distinto per il suo contributo alla diversità della scena teatrale elvetica. Quest'anno premiati sono Maya Bösch, regista e direttrice della compagnia ginevrina sturmfrei; il laboratorio di drammaturgia zurighese Dramenprozessor; la compagnia teatrale anch'essa zurighese Karl’s kühne Gassenschau e la scenografa ticinese attiva in Italia Margherita Palli. Quest'ultima, precisa l'UFC "è oggi la più nota scenografa d'Italia" e ha collaborato "con Luca Ronconi, il grande regista italiano".

Per la prima volta il Premio svizzero della scena, attribuito dal 1993 dall'Associazione artisti teatri promozione (atp) a una persona o a un gruppo per l'opera completa, verrà inserito nei Premi svizzeri di teatro dell'UFC. Quest'anno i finalisti sono la comica Silvana Gargiulo, la cabarettista Uta Köbernick e l'autore di Spoken-Word Pedro Lenz. La premiazione, per questo riconoscimento, si terrà il prossimo 9 aprile a Thun.
Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017
Il giovane fotografo acquedolcese torna alla Casa delle Culture in una personale dedicata ai ritratti.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017