Beruschi-Yor Milano amicizia senza confini

L'attore ticinese Yor Milano, racconta un'amicizia che dura da oltre trent'anni. Dai tempi di Pop Corn in Rai, un rapporto saldo di stima e teatro che arriva fino ad oggi

Dovendo recarmi ad Arese, vicino a Milano, invitato ad assistere ad una commedia dialettale, mi è venuto in mente che ci abita un caro amico, Enrico Beruschi.Purtroppo  non ho avuto il tempo di  avvisarlo e quindi, come si fa in questi casi, ho pensato: “Chissà se viene a teatro! “…Appena entrato nel hall  me lo son visto davanti e la sorpresa fu reciproca…              
Vi  ricordo che Enrico ha lavorato con me  in “NON STOP”, Il varietà innovativo che la RAI  mandò in onda nel lontano 1977 sul rai 2, con la regia avanguardistica di Enzo Trapani. Fu per me un’esperienza strepitosa dalla quale, pensavo,  la mia carriera potesse trarre grossi vantaggi,  ma che si rivelò assolutamente inutile.

Tutti i partecipanti si distinsero egregiamente iniziando una carriera in continua ascesa, vedi Enrico Beruschi appunto, Massimo Troisi, i Gatti di Vicolo Miracoli con  Gerry Calà,  Umberto Smaila e un Franco Oppini, per non parlare di Carlo Verdone. Forse perché il sottoscritto, impegnatissimo alla TSI ed RSI,  ha registrato tutti i suoi interventi in un pomeriggio, ritornando alla base, senza approfittare del successo della trasmissione, come fecero invece gli altri, producendo films di successo e rimanendo così indelebilmente nella memoria degli spettatori.
                                           
L’ esperienza di NON STOP portò invece fortuna ad Enrico Beruschi che, come detto prima, partecipò ad innumerevoli trasmissioni televisive di successo, pensate solo a “DRIVE IN”, su canale 5, che, se mi è concesso, fu la copia di  NON STOP, e a numerosi films di successo. Sembrava proprio che le nostre strade si fossero definitivamente separate, ma dopo quasi 20 anni, nel 2005, ci siamo  ritrovati per lavorare insieme in una commedia registrata dal Tepsi per la RSI: ”QUEL TRAMVIERE CHIAMATO DESIDERIO”, che fece tanto successo sia da noi che in Italia.  Dopo una seconda pausa durata  otto anni, l’incontro fortuito di Arese  potrebbe  mettere in cantiere qualche nuova produzione, rimettendo insieme le nostre due comicità, tanto diverse quanto incisive. Chi vivrà… vedrà! ! !
Y.M.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017
Il giovane fotografo acquedolcese torna alla Casa delle Culture in una personale dedicata ai ritratti.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017