Mafia: la cultura del non dimenticare

Messina XXI Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Sono
900 i nomi che risuonano in piazza Duomo a Messina, 900 storie di impegno e antimafia, in contemporanea questi stessi nomi sono riecheggiati in 1000 piazze di tutta Italia, in occasione della XXI Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e Avviso Pubblico

Messina è stata invasa da una marea di gente che ha sfilato per le piazze della città per poi riunirsi in piazza  Duomo.
Una  piazza gremita, piena di vita e colori, molte le associazioni, le scuole le rappresentanze politiche e tanta gente comune che ha deciso di scendere in strada per  dire no ad ogni tipo di mafia.

Ad aprire il corteo i numerosi familiari delle vittime innocenti di mafia che sono giunti a Messina da varie regioni d’Italia ed anche dall’estero.

In mezzo a tante mamme e papà, mogli e figli che stringono in mano le foto dei loro cari uccisi dai clan, don Luigi Ciotti, presidente di Libera: "Siamo qui ancora una volta per dire che é il noi che vince. Ma anche che non si costruisce la giustizia senza verità. E purtroppo il 75 per cento dei familiari non ha ancora avuto verità".

Sul palco in piazza Duomo  vengono letti  i 900 nomi  delle vittime che risuonano come una litania interminabile,  rattrista i cuori ma porta alla memoria le loro storie; storie di  semplici cittadini, magistrati, giornalisti, uomini appartenenti alle forze dell’ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali morti per mano delle mafie solo perché, con rigore e coerenza, hanno compiuto il loro dovere.

La Giornata della Memoria e dell’Impegno, "ricorda tutte le vittime innocenti delle mafie e rinnova in nome di quelle vittime l’impegno nella lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione. "Ponti di memoria, luoghi d’impegno" è il tema ha accompagnato la giornata, durante la quale gli oltre 900 familiari di vittime innocenti delle mafie della rete di Libera in rappresentanza delle oltre 15 mila persone che hanno perso un loro caro per mano della violenza mafiosa, erano presenti a Messina e nei tanti luoghi d’Italia dove si svolge la manifestazione”, spiegano gli organizzatori.  Ieri pomeriggio c’è stato il primo appuntamento, con l’assemblea dei familiari delle vittime innocenti delle mafie alla presenza di Don Luigi Ciotti.

Quest’anno il primo giorno di primavera – dichiara Daniela Marcone, vicepresidente nazionale di Libera e responsabile Libera Memoria- porta il ricordo delle 900 vittime innocenti delle mafie a Messina e in tanti luoghi d’Italia. E’ importante ricordare queste 900 persone nella loro vitalità, nel loro essere madri, padri, figli, sorelle, mogli e mariti, cittadini del nostro stesso mondo. La memoria che custodiamo è fatta di ricordi vivi che restituiscano ai familiari come me una speranza importante, che permetta percorsi difficili di vita e di ricerca di una verità processuale imprescindibile”. “Siamo a Messina e in altri 1000 luoghi d’Italia – conclude Daniela Marcone- per risvegliare le coscienze, a cominciare dalle nostre, per ribadire che quando c’è di mezzo la giustizia e la verità le scelte non ammettono chiaroscuri, margini di ambiguità. Siamo a Messina per costruire ponti di memoria che portino ovunque voglia e speranza di cambiamento. Questo sarà il miglior impegno che potremo assumerci nel ricordo dei nostri cari”. 

Rosangela Coci

Foto di Marcella Scalia
Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017
Il giovane fotografo acquedolcese torna alla Casa delle Culture in una personale dedicata ai ritratti.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017