Serse; un eroe negativo?

Un palco, una tribuna, una manciata di attori e il gioco è fatto. Un gioco “magico”, fatto di emozioni e fantasia, fantasia, che in accordo con lo spettatore, diviene realtà. E quando la realtà diventa vita, la vita diventa allora uno spettacolo osservabile.

Il teatro, del resto come il cinema, è uno strumento formidabile, che proietta mondi lontani, passati o futuri, in uno specifico istante del presente. Si tratta di un gioco di finzione, di un accordo, che “segretamente” o per meglio dire, attraverso un tacito consenso, viene preso tra spettatore e attore; credere che ciò che si sta osservando, sia vero.

C’è poi una storia da raccontare e c’è un messaggio da veicolare. Ultimamente e sempre più spesso accade nel cinema, il punto di vista raccontato è quello dei “cattivi”. Personaggi amorali e dissoluti che tuttavia colpiscono il nostro cuore. Del resto se è vero che Il crimine non paga, in qualche modo affascina.

E’ successo con Public Enemy di Michael Mann, dove un ladro gentiluomo, che si potrebbe definire un Robin Hood contemporaneo, magistralmente interpretato da Johnny Depp, finisce con l’affascinarci. Nuovamente, è successo con “L’opera da tre soldi” di B. Brecht. Macheath, noto criminale di una cupa Londra vittoriana, salvato in extremis dall’impiccagione, diventa, in una parodia a lieto fine, baronetto per concessione della Regina stessa.

Insomma, quello che guardiamo, quello che analizziamo e che affascina è il lato meramente umano di questi personaggi, che inteso in modo ossimorico, lo si potrebbe definire cattivo ma buono.

Eschilo, noto tragediografo greco che nel 472 a.C. scrive I Persiani (testo dall’importanza storica fondamentale, poiché è da qui che parte la nostra conoscenza empirica del teatro greco classico), pare che questo sinistro fascino, lo avesse già inteso.

In quest’opera, infatti, il punto di vista adottato è quello dei vinti, ossia dei Persiani, acerrimi nemici dei Greci, attraverso cui Eschilo esprime il concetto di hybris, ossia di tracotanza. Concetto ricorrente, nell’opera eschilea.

L’opera comincia con una forte tensione, resa sempre più esplicita, dall’attesa che attanaglia Atossa, madre di Serse, e i dignitari di corte, che attendono con ansia, notizie sull’esito della battaglia di Salamina. Quando il messo sopraggiunge e annuncia la disfatta, ecco che il coro si lascia andare a strazi e lamenti.

Ciò che in un primo momento, potrebbe suscitare empatia nei confronti di Atossa e di Serse, in verità viene usato da Eschilo come pesante critica e come emblema della sua morale. I Greci, infatti, non potevano accettare di essere dominati da un popolo barbaro e opulento, che soggiogava i propri sudditi. Non potevano, prima di tutto, accettare la sudditanza.

Serse, nel voler sfidare la sorte, ha peccato di hybris, di arroganza e superbia, sottovalutando l’avversario e sfidando il volere degli dei. Serse, per questo peccato, viene dunque accecato da Ate, il dio che gli ha tolto il senno e reso irreversibile la sua colpa. Le conseguenze saranno drammatiche: Quando egli farà rientro a Susa, presso il palazzo reale, sarà allora, che con le vesti lacere, tra grida e lamenti, ammetterà di esser stato la rovina per la sua stirpe e per il suo popolo. Non c’è dunque nessuna forma di comprensione, non c’è scusante alcuna ma, solamente disdegno.

L’analisi di Eschilo, infatti, non è e non può essere bonaria. Non vuole celebrare un “eroe negativo”, non vuole far vedere il suo aspetto più umano e “romantico”. Quello che Eschilo fa, è far vedere il male, per poter insegnare il bene. Quello che Eschilo fa, è celebrare la grandezza di Atene e il lustro della sua vittoria, rincarando sul dolore del nemico vinto.

Tuttavia, ad analizzare bene la sua figura, potrebbe sembrare un Serse che alla fine si redime, capisce i suoi errori e chiede venia. La giustizia, però, non perdona. Serse porterà il fardello della disfatta per il resto dei suoi giorni. Non resta che allo spettatore, patteggiare per la sua sorte.

Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La Casa delle Culture ha ospitato il grande Maestro di fama internazionale Silvio Benedetto
Domenico 17 Marzo 2019, alle 17:00, inaugurazione della mostra del maestro Silvio Benedetto.
Nel Comune di San Marco d'Alunzio, nella bella struttura della Badia Grande, si è tenuta la mostra collettiva curata dall'artista Silvio Benedetto.
28 febbraio 2019
Un progetto di solidarietà internazionale ed educazione alla Pace l'accoglienza.
23 febbraio 2019