"Dig Down", chi scava trova...

18 maggio 2017- A quasi due anni di distanza dall'ultima fatica discografica "Drones" i Muse tornano con il nuovo singolo intitolato "Dig Down", primo tassello dell’ottava era discografica ancora senza titolo e release date.

Matthew Bellamy, cantante solista dei Muse

Matthew Bellamy, Chris Wolstenholme e Dominic Howard

Matthew Bellamy, Chris Wolstenholme e Dominic Howard

"Quando speranza e amore sono smarriti e cadi al suolo
Devi trovare una soluzione
Quando cala l’oscurità e ti viene detto che è la fine
Devi trovare una soluzione..."
Questa la prima strofa del nuovo singolo "Dig down". La nuova canzone pubblicata nei digital store e nelle piattaforme streaming il 18 maggio 2017 via Warner Music, è stata prodotta dalla famigerata rock band britannica, i Muse, con la collaborazione di Mike Elizondo e mixato da Mark “Spike” Stent & Michael Freeman. Un video,  carico di azione, è stato diretto da Lance Drake con la straordinaria partecipazione di Lauren Wasser. Ancora senza titolo e release date, l'album dovrebbe uscire nel corso nel 2018.

Ad oggi molte le critiche e i dubbi dei fan, rimasti delusi e sconcertati da questo ultimo singolo, che sembra prendere le distanze da "Drones", ultimo album del gruppo, che dopo "The 2nd Law", parafrasando le parole del frontman , era tornato verso una musica suonata. Verso un disco in qualche modo più grezzo e di certo più rock. Insomma, tanta attesa per un qualcosa  che lascia un po' l'amaro in bocca ed il vuoto nelle orecchie, ma l'attesa può ancora essere sinonimo di speranza... Del resto  il brano è incentrato proprio sull’ottimismo. E' infatti  Matt Bellamy a dichiarare che, durante la scrittura di "Dig Down", quello a cui ha pensato è stato di comunicare un messaggio di positività, al fine di contrastare la negatività corrente nel mondo offrendo ispirazione, ottimismo e speranza alle persone. E' dunque proprio il caso di dirlo: "al 2018 l'ardua sentenza"...

Massimo Chisari.

Dig Down

Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017
Il giovane fotografo acquedolcese torna alla Casa delle Culture in una personale dedicata ai ritratti.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017