"Dig Down", chi scava trova...

18 maggio 2017- A quasi due anni di distanza dall'ultima fatica discografica "Drones" i Muse tornano con il nuovo singolo intitolato "Dig Down", primo tassello dell’ottava era discografica ancora senza titolo e release date. Leggi »

Pfm: il rock italiano che conquistò l'America

Quanto la Pfm sia stata apprezzata nel periodo progressive, lo dimostra la recente classifica di Rolling Stones, che mette “Per un amico” dei Pfm e “Sono nato libero” del Banco di Mutuo Soccorso fra i 50 migliori brani progressive rock di sempre. Questo successo è comunque una storia da raccontare, specie alle nuove generazioni...
Quella era un’Italia in declino nei numeri, ma ancora viva come immagine di creatività, specie per l’estero. Quella Italia era ad un passo dal conquistare il mondo del rock. Non ci riuscì, semplicemente perché non gli interessava… Leggi »

1924 America: note rivoluzionarie

Anni 20, il suono dell'America sbarcò in Europa, e insieme ad un giovane autore americano timido ed impacciato scoprì un continente esausto e vecchio, che non poteva più inventare niente. Gershwin vs Ravel e Satie, cronaca di un cambiamento epocale Leggi »

Con due anni di ritardo Wagner ritrova casa a Bayreuth

E’ stata riaperta al pubblico a Bayreuth, dopo 5 anni di restauri costati oltre 20 milioni di euro, Villa Wahnfried, la dimora dove Wagner, trovò pace creativa, di vita e familiare, concluse il Crepuscolo degli Dei e creò Parsifal, sua ultima opera. Riaperta la storica dimora, peccato che il centenario Wagneriano fosse due anni fa. Fosse successo in Italia... Leggi »

Amy Winehouse, l’arte che alla fine rovina tutto.

A quattro anni dalla sua scomparsa, di Amy rimane il ricordo di una rivoluzione culturale non del tutto compiuta, interrotta troppo bruscamente, come il volo di un aereo destinato a precipitare al suolo.
In realtà la storia della Winehouse è una storia abbastanza comune in campo artistico. Una vena autentica nata dalla vita e non dalla ricerca spasmodica di essere divi. Una autenticità che ha dato la sua musica. Una icona eterna. Questa ora resta di Amy. Non poco. Leggi »

Dell'amore che svanisce...

Ma poi... si sa, il sentimento col tempo si affievolisce, la passione non è più travolgente, ben poco rimane ancora da scoprire di quel mondo che ci aveva ammaliato e del contatto intimo che tanto ci aveva attratto.
L’abitudine e la perfida routine, minano alle fondamenta il sublime legame che aveva unito due esseri nel periodo del corteggiamento e poco a poco – o talvolta bruscamente e violentemente - svanisce la magica intesa tra due corpi e due anime, sfuma un ardore che pareva indelebile, mentre prende campo lo spettro dell’indifferenza reciproca. Ciascuna parte si riprende la propria vita. Leggi »

Bolle, una vita per la danza

Da una decina d’anni il balletto maschile si declina con il suo nome e lui è diventato un simbolo di volontà, bellezza, fashion, applaudito nei più famosi teatri del mondo, ricercato da stilisti, tv, giornali, invitato agli eventi più glamour. Roberto Bolle: una vita per la danza Leggi »

Rino Gaetano e la cockerina

Ennesimo anniversario della morte troppo precoce di un artista che interpretò l'impegno a modo suo, geniale, con canzoni che uscivano dall'ideologico ma dipingevano in maniera perfetta il caos di un'Italia in crisi e padrona di una mediocrità farlocca che a breve sarebbe diventata una "Milano da bere"... Leggi »

Claudio Baglioni: chiamala se vuoi... poesia

Prendiamo “Fotografie”, il testo di Claudio Baglioni, è una canzonetta o qualcosa di più?
Dice un vecchio adagio, che un paesaggio può essere descritto o da una guida turistica o da un poeta ma non è la stessa cosa, basta leggere l’incipit dei “Promessi Sposi” per rendersene conto. Così, il poeta può anche scegliere di descrivere una parabola sentimentale attraverso la lettura di un album di fotografie Leggi »
Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017
Domenica 7 maggio 2017 si inaugura la mostra dell'artista milanese scomparso 40 anni fa.
03 maggio 2017
Rosetta Marino e Anna Latteri espongono alla Casa delle Culture.
Domenica 5 Marzo 2017 mostra collettiva d'art al femminile, presso la Casa delle Culture
27 febbraio 2017