Il Pasolini di Sicilia

Pasolini, il Sud, la Sicilia, Sciascia e Guttuso, l’Orestea di Gassmann al teatro greco di Siracusa e le riprese de “Il Vangelo secondo Matteo”. Sulle orme della feconda presenza sull’isola di uno degli autori più amati e controversi del Novecento italiano, ruota l’indagine condotta per il Festival I ART dalla studiosa Dora Marchese dal titolo “Qui il barocco pare di carne”, in programma a Catania, Cortile Platamone, il 17 e il 18 luglio prossimi.

L’iniziativa Pasolini in Sicilia – che cade nel 40esimo anniversario della scomparsa di Pasolini (02/11/75) fa parte del progetto I ART, ideato e diretto da I World con il Comune di Catania ente capofila, ed è realizzata in collaborazione con il DiSUM (Dipartimento Scienze Umanistiche dell’Università di Catania) e con Naxoslegge (Festival delle narrazioni, della lettura e del libro).

Include un workshop dedicato agli studenti universitari, un convegno (17 e 18 luglio) e uno spettacolo (il 18 luglio, ore 21) che porterà a Catania – in prima assoluta siciliana – l’opera di Pasolini “Il Vantone”, raffinata rielaborazione della commedia “Miles gloriosus” di Plauto. Con la regia di Federico Vigorito, il protagonista del “Vantone” sarà Ninetto Davoli, attore “simbolo” del cinema di Pasolini (con Totò prese parte al film “Uccellacci e uccellini”) e ultimo testimone di quella esperienza creativa. Prodotto dalla Laros, il Vantone vedrà in scena anche Edoardo Siravo e Gaetano Aronica. L’ingresso allo spettacolo è gratuito fino a esaurimento dei 700 posti a disposizione del Cortile Platamone.

A Catania, per la “pasoliniana” di I ART, si ritroveranno eminenti studiosi di fama internazionale, critici, giornalisti, registi e scrittori, del calibro di Emanuele Trevi, Monica Centanni, Massimo Fusillo, Vanni Ronsisvalle, Marco Antonio Bazzocchi, Roberto Danese, Gianluigi Simonetti, Rosario Castelli, Stefania Rimini, Fulvia Toscano, Massimiliano Perrotta. Un intenso momento di studio e riflessione arricchito da proiezioni di film e documentari e dalla mostra d’arte contemporanea “Benedetto Poma e la Sicilia di Pasolini” curata dalla Galleria Koart (sala convegni Palazzo della Cultura).

 
WORKSHOP

17 e 18 luglio, dalle 10.30 alle 13

Sarà l’attore Davide Sbrogiò, il 17 e 18 mattina (Palazzo della Cultura, ore 10.30-13), a curare il workshop didattico-teatrale sull’Orestea di Pasolini rivolto agli studenti liceali ed universitari ed è gratuito.

CONVEGNI

17 Luglio

I lavori si apriranno venerdì 17 alle ore 17 con un “Preludio” in cui si farà un bilancio della critica e dell’opera “di” e “su” Pasolini in occasione del quarantesimo anniversario dalla morte avvenuta tragicamente il 2 novembre 1975. Relatori Emanuele Trevi (critico e scrittore), Marco Antonio Bazzocchi (Università di Bologna), Gianluigi Simonetti (Università dell’Aquila). Vanni Ronsisvalle (scrittore, giornalista e autore televisivo) con documenti inediti, foto e schizzi, darà testimonianza diretta della partecipazione di Pasolini al Premio Letterario “Brancati – Zafferana”. A introdurre i lavori saranno il sindaco di Catania Enzo Bianco, l’assessore alla Cultura e al Turismo Orazio Licandro, il direttore artistico degli eventi catanesi di I ART, Giovanni Anfuso, e il direttore del Disum dell’Università di Catania Giancarlo Magnano San Lio e l’attore Ninetto Davoli. Nell’intermezzo sarà proiettato il documentario-reportage “Sicilia di sabbia. Sulle tracce di Pier Paolo Pasolini: un ritratto della Sicilia di oggi tra mito e trasformazione” di Massimiliano Perrotta.

 

18 Luglio

Sabato 18, ore 17 focus sull’esperienza siciliana di Pasolini con “A sud di Pasolini”. Intervistati da Fulvia Toscano e Dora Marchese, gli studiosi Monica Centanni (Università di Venezia) e Massimo Fusillo (Università dell’Aquila) parleranno del rapporto di Pasolini con l’antico e, in particolare, dell’elaborazione dell’Orestea. Rosario Castelli (Università di Catania) analizzerà il carteggio tra lo scrittore e Leonardo Sciascia, mentre Stefania Rimini (Università di Catania) ripercorrerà l’esaltante esperienza cinematografica di Pasolini in Sicilia. Roberto Danese (Università di Urbino) metterà a fuoco il rapporto fra Pasolini e Plauto. Ospite d’eccezione: Ninetto Davoli, protagonista la sera del 18, della prima siciliana del Vantone di Pasolini.

 
Pasolini in Sicilia, notizie

In Sicilia Pasolini gira “Comizi d’Amore” (1963), il “Vangelo secondo Matteo” (1964), “Teorema” (1968), “Porcile” (1969), i “Racconti di Canterbury” (1970); vede messa in scena al teatro antico di Siracusa l’“Orestea” (1959) con Vittorio Gassman; compie uno “storico” viaggio a Scicli nel ’59 con Renato Guttuso, Carlo Levi, Antonello Trombadori, Paolo Alatri e Maria Antonietta Macciocchi per constatare la delicata situazione degli ”aggrottati” di Chiafura nel comune ibleo; intesse un rilevante rapporto epistolare con Leonardo Sciascia e partecipa più volte al Premio Letterario “Brancati – Zafferana”.
Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017
Il giovane fotografo acquedolcese torna alla Casa delle Culture in una personale dedicata ai ritratti.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017