TEATRO/I ART: a Palermo Eugenio Barba e l’Odin Teatret per masterclass e conferenza il 5 e 6 maggio

La “differenza culturale come conquista”, il metodo del grande regista raccontato ad attori, allievi e al pubblico siciliano alla ricerca delle proprie identità plurali

Palermo, 3 maggio 2015 - Considerato tra gli ultimi registi viventi ad aver fondato un metodo, Eugenio Barba, fondatore dell’Odin Teatret,  sarà a Palermo nei prossimi giorni insieme con l’attrice Julia Varley per uno degli appuntamenti più attesi di I ART, il progetto finanziato con fondi UE (Po Fesr 2017-2013, Catania comune capofila) che intende rinnovare le identità siciliane attraverso i linguaggi plurali delle arti contemporanee. Fra queste il teatro.

L’appuntamento con Barba, Varley e la storia dell’Odin Teatret sarà il 5 e 6 maggio, nei Cantieri alla Zisa, con la Masterclass “Pensare per azioni”, seminario a numero chiuso con 40 iscritti fra cui attori e allievi di scuole di teatro in programma martedì 5 (Spazio Tre Navate, via Paolo Gili 4); e l’indomani, 6 maggio, con la Conferenza aperta al grande pubblico e ospitata nella Sala De Seta, sempre alla Zisa, dalle 10 alle 13. Titolo “Il teatro che danza”. Al centro del racconto, condiviso con il pubblico di Palermo, sarà l’esperienza di un gruppo di uomini e donne, gli attori dell’Odin Teatret, storica realtà teatrale d’avanguardia in Danimarca: nata su teste diverse, ne ha di fatto preservato l’integrità di ognuna.

Un metodo, quello di Barba, che della diversità culturale e delle singole prospettive di ognuno ha fatto la propria bandiera e un continuo arricchimento per tutti che il maestro verrà a raccontare a Palermo, e a quella Sicilia riunita sotto il manifesto di I ART.

Dal 4 all’8 maggio, sempre nell’ambito di I ART, riprendono a Palermo i laboratori dedicati alle arti performative e al design. All’Abbazia di San Martino in programma un workshop di gioielleria contemporanea a cura di Roberto Intorre, architetto e handmade designer. Mentre nei Cantieri alla Zisa i creativi di Aesop Studio (specializzati nella video arte) si cimenteranno con "LIVING WALLS - VIDEOMAPPING WORKSHOP". Ai partecipanti verranno mostrate le nuove tecnologie e tecniche digitali della proiezione architettonica e/o urbana. L’obiettivo sarà quello di elaborare e presentare un progetto individuale. Ulteriori info sul sito www.i-art.it

Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017
Il giovane fotografo acquedolcese torna alla Casa delle Culture in una personale dedicata ai ritratti.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017