Dal 5 settembre a Chantilly ritorna il mondo de “Le Grand Condè”

Luigi II di Borbone fu l’alter ego politico ed umano di Luigi XIV. Mancò lo scontro finale, probabilmente proprio per la grandezza, e conseguente invulnerabilità, dei due personaggi. Fino al 2 gennaio la reggia del Grand Condè, Chantilly, riporterà in vita con una inedita mostra il lato “Borbone” di quegli sfarzi.

Luigi II di Condè è descritto dalla storia come condottiero invincibile, l’unico in grado di tenere militarmente la Francia nello stato di supremazia dove il Re Sole la voleva. Per questo fu perdonata all'altro Luigi la sua partecipazione alla fronda.

Insomma, la grandezza del Borbone serviva alla grandezza di Francia.  Luigi di Borbone, insomma, non fu l’antitesi dell’altro Luigi, il re, ma semplicemente un “luogotenente” geniale, con ampi spazi di autonomia, anche politica.

Anche in campo artistico, Luigi contribuì a espandere oltremisura l’immagine della grande Francia. Chantilly divenne il completamento di Versailles, come la reggia, arricchita dalle committenze ai principali artisti europei,  dalle feste di Vatel e dai giardini di Andrè la Notre.

Ora le sale della “dimora”  rivivono quell'epoca con una mostra irripetibile, arricchite da materiali provenienti da svariate esposizioni europee. Un modo per riscoprire l’altra faccia del... “sole”, testimone della grandezza francese del diciassettesimo secolo.  

Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017
Il giovane fotografo acquedolcese torna alla Casa delle Culture in una personale dedicata ai ritratti.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017