"Una donna maliziosa", riappare il Godard perduto

Riappare su YouTube il film creduto scomparso di Jean-Luc Godard

Fotogramma preso da: "Une femme coquette" di Godard.

Da anni creduto perso, ricompare sul web un grande piccolo capolavoro del regista francese Jean-Luc Godard.
A pubblicarlo su YouTube, l'utente Davide Heslin.
Une femme coquette (Una donna maliziosa) , questo il titolo del secondo film del regista, è un cortometraggio realizzato lo stesso anno del suo primo film Opération béton; all'interno del quale, per la prima volta, Godard utilizza attori recitanti e non "improvvisati" come quella che sarà la poetica della Nouvelle Vague, figlia più giovane del Neo Realismo italiano.
La pellicola, che dura nove minuti e 19 secondi, è ispirata alla novella di Maupassant "Le Signe" (il segnale), Film che sembra anticipare, di circa dieci anni, i tempi di "Masculin, Féminin" del 1966.
Il corto, sottotitolato in lingua inglese, che non è mai stato pubblicato, ma proiettato solo una dozzina di volte pubblicamente, è oggi alla portata di un click per tutti i cultori della storia del cinema.

Massimo Chisari

LINK AL FILM:
https://www.youtube.com/watch?v=dKOFVCLPb4Q
Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017
Domenica 7 maggio 2017 si inaugura la mostra dell'artista milanese scomparso 40 anni fa.
03 maggio 2017
Rosetta Marino e Anna Latteri espongono alla Casa delle Culture.
Domenica 5 Marzo 2017 mostra collettiva d'art al femminile, presso la Casa delle Culture
27 febbraio 2017