Atene

Un fascino millenario, un viaggio verso l’uomo e la sua storia. Il viaggio affascinante, tra passato e presente, che conduce l’uomo nelle acque del greco mar, da cui vergine nacque Venere.

Atene, patria di Temistocle, comandante della flotta ateniese e condottiero della resistenza greca contro il comune nemico persiano, considerata in tutto il mondo la culla in cui nacque la democrazia, è stata per secoli il punto di riferimento per letteratura, arte e filosofia. Oggi, invece, il suo aureo passato viene minacciato dalla crisi economica, che fino alla fine del 2015, rischiò di mettere in ginocchio la Grecia intera. Contro ogni previsione il governo Tsipras, mediante studiate manovre, riesce a contenere la vertiginosa discesa del PIL; i risultati son chiari, si parla di una risalita che va da un -2,3% a un -0,5%.  L’economia ellenica è dunque in risalita ma, l’atmosfera negativa, con cui la crisi ha avvolto la penisola, attanaglia tutt’oggi la capitale. Ciò che è bello però, forse proprio in linea con quel concetto tutto greco di “kalos kai agathos”,  ossia bello e giusto, non viene fortunatamente intaccato dai malumori della crisi e nella capitale continuano a riversarsi milioni di turisti.

Arrivando ad Atene, se si fosse indecisi su cosa vedere e dove andare, la risposta più ovvia, sarebbe quella con il cominciare dall’Acropoli, cuore e simbolo della città.

Considerata come la più rappresentativa delle acropoli greche, domina la capitale dall’alto di una collina rocciosa da cui è possibile ammirare l’inclito fascino della città. Qui, in tutto il loro splendore, è possibile ammirare il Partenone, il teatro di Dioniso e i templi eretti in onore degli dei.

Volendo sposare quel perfetto connubio tra antico e moderno, a questo punto non resterebbe che visitare il Museo dell’Acropoli, un innovativo edificio di design aperto nel 2008, che ospita esclusivamente i reperti classici, rinvenuti durante gli scavi nella zona dell’Acropoli.

Ecco, che in questo luogo, si palesa tutto lo spirito contrastante della città; l’antico si sposa con il moderno e il moderno viene reso suggestivo dall’antico.

Scendendo dall’acropoli, tornando verso la città, nella parte Nord-Ovest sarebbe poi possibile raggiungere l’Agorà, la piazza principale, che nell’antica Grecia veniva considerata come il cuore pulsante della vita politica e sociale, un importante luogo di incontro, dove si teorizza venne eretto il primo teatro della città.

Il viaggio continua e, se si volesse cercare un posto tranquillo e ameno, dove rimanere estasiati, il consiglio migliore sarebbe quello di andare a visitare il Giardino Nazionale di Atene dove, al suo interno, è possibile trovare ampie zone d’ombra, numerosi laghetti e bacini artificiali, che ospitano tartarughe e altre specie animali, mentre i viali sono interpuntati da meravigliose statue classiche di marmo. Ovviamente, non mancano i chioschi e un ristorante in cui deliziarsi con la cucina greca tradizionale.

A questo punto, a proposito di cucina tradizionale, dopo una bella giornata di sole, passata a vedere il fascino storico della città, cosa ci sarebbe di più ritemprante di una gustosa cena?

La cucina greca, strettamente legata al suo passato, ha subito poche variazioni nel corso del tempo e, nei suoi ristoranti, Atene ha trasferito gran parte delle sua tradizione classica, rappresentata, per lo più, dai suoi tipici dolmádes, pitákia e dal souvlaki. Tra i ristornati più conosciuti, è possibile andare all’ Hytra, definito come il migliore ristorante della città, da cui è possibile ammirare l’acropoli illuminata, in tutto il suo fascino notturno.

Il bello, ad Atene, non è prerogativa solo dei monumenti e dei reperti archeologici. Il bello, ad Atene, è anche prerogativa di un po’ di relax, godibile sotto il sole, in riva al mare.

Situata a 10 km dal Pireo, antico porto della città, oggi un comune a se stante (il più popoloso dell’Attica, dopo Atene), la capitale greca è dotata di innumerevoli spiagge. Le più belle, come in ogni città portuale, son situate nella zona periferica a Sud, facilmente raggiungibili con i mezzi di trasporto pubblici.

Atene è una bellezza eclettica, fatta di cultura, di cibo e spiagge incantevoli. Un viaggio, il viaggio, che non dovrebbe mancare nel bagaglio di nessuno.

Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017
Il giovane fotografo acquedolcese torna alla Casa delle Culture in una personale dedicata ai ritratti.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017