Buon compleanno Roald Dahl!

Oggi, cent'anni fa, nasceva uno dei più grandi romanzieri per l'infanzia della storia. Lo vogliamo ricordare con una carrellata delle sue opere più belle.

Il 13 settembre 1916 nasceva a Cardiff, in Galles, Roald Dahl, prolifico autore di romanzi per l'infanzia e non solo. La sua è stata una vita piena di avventura, viaggi e risate, e possiamo ritrovare la sua personalità spumeggiante in tutte le sue opere.

Nel centenario della sua nascita vogliamo ricordare la sua sconfinata fantasia, i magici mondi che ci ha donato e la sua grane ironia, consigliandovi quei cinque romanzi che ci hanno fatto innamorare di lui.


  • La fabbrica di cioccolato (1964) segue le avventure di Charlie Bucket, un povero bambino con un cuore d'oro, che ha un grande passione: la cioccolata. Si dà il caso che abiti davanti alla famosissima fabbrica di cioccolato del signor Willy Wonka. La storia di Charlie ha inizio quando l'eccentrico cioccolatiere metterà in palio dei biglietti d'oro per permettere a cinque fortunati bambini di visitare il suo impero. Ce la farà Charlie a realizzare il suo sogno?

    «Quello è suonato!» mormorò Nonna Josephine.
    «Niente affatto! è brillante!» esclamò Nonno Joe. «É un mago! Provate a immaginare cosa accadrà adesso! Tutto il mondo si metterà alla caccia di quei cinque biglietti d’oro! Tutti compreranno le tavolette di cioccolato della Wonka nella speranza di trovarne uno! Ne venderà più che mai! Ah, che bellezza sarebbe trovarne uno!»
    «E una scorta di cioccolate e caramelle per tutto il resto della vita - gratis!» disse Nonno George. «Provate un po’ a immaginare una cosa del genere!»
    «Ci vorrà un camion per portarne tante!» intervenne Nonna Georgina.
    «Al solo pensiero, mi sento male» disse Nonna Josephine.

  • Gli Sporcelli (1980) racconta dei rivoltanti coniugi Sporcelli, persone dal cuore di pietra che hanno un grande desiderio, ossia addestrare delle scimmie per creare un numero da circo indimenticabile. Non tengono conto, però, del fatto che le scimmie non siano poi così ingenue come loro credono …

    Se una persona ha brutti pensieri, dopo un po' glieli leggi in faccia. E quando i brutti pensieri li ha ogni giorno, ogni settimana, ogni anno, il suo viso diventa sempre più brutto, finché diviene talmente brutto che non sopporti quasi più di guardarlo. Una persona con pensieri gentili non potrà mai essere brutta. Potrà avere il naso bitorzoluto e la bocca storta e i denti in fuori, ma, se ha pensieri gentili, questi le illumineranno il viso come raggi di sole, e apparirà sempre bella.

  • Il GGG (1982), una tenera storia che verte intorno al tema dell'amicizia, quella tra un Grande Gigante Gentile e la piccola Sofia, e dell'importanza dei sogni.
    Il primo gennaio del 2017 uscirà in Italia, distribuito da Medusa, il film tratto da questo piccolo capolavoro, diretto da Steven Spielberg.

    «Pre… prego, non mi mangi» balbettò Sofia.
    Il gigante scoppiò in un boato di risata. «Solo perché io è un gigante, tu pensa che io è un buongustoso canniballo?» esclamò. «Ha ragione, proprio! I giganti è tutto canniballo e assassinistro! Ed è vero che si pappa i popolli della terra! Ora noi si trova nel Paese dei Giganti! E i giganti è dappertutto! Là fuori c’è il famoso Crocchia-Ossa! E Crocchia-Ossa si crocchia ogni sera due popollani e se li ciuccia per cena! Un rumore da spaccarti le orecchie! Un rumore di ossa crocchiate che si sente crizze-crazze per chilometri!»


  • Le streghe (1983) è la storia di come un bambino, rimasto orfano di entrambe i genitori e affidato alle amorevoli cure della nonna, riesca a salvare il mondo dal terribile attacco delle streghe, donne calve e senza dita dei piedi, che voglio trasformare tutti i bambini in topi.

    Nelle fiabe le streghe portano sempre ridicoli cappelli neri e neri mantelli, e volano a cavallo delle scope. Ma questa non è una fiaba: è delle STREGHE VERE che parleremo. Ci sono alcune cose importanti che dovete sapere, sul loro conto; perciò aprite bene le orecchie e cercate di non dimenticare quel che vi dirò. Le vere streghe sembrano donne qualunque, vivono in case qualunque, indossano abiti qualunque e fanno mestieri qualunque. Per questo è così difficile scoprirle.

  • Matilde ( 1988) racconta la storia di una bambina e del suo sconfinato amore per i libri. Di come i suoi amici di carta l'aiuteranno ad affrontare moltissime avventure, anche le più spaventose, e a trovare la serenità.

    «Papà, mi compreresti un libro?»
    «Un libro? E per che cavolo farci?»
    «Per leggerlo».
    «Diavolo, ma cosa non va con la tele? Abbiamo una stupenda tele a ventiquattro pollici e vieni a chiedermi un libro! Sei viziata, ragazza mia!»



I personaggi di Roald Dahl, le sue storie e la sua penna, unite alle inconfondibili illustrazione di Quentin Blake, hanno segnato l'infanzia di moltissime persone, rendendolo uno degli autori più amati di sempre. 


Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017
Il giovane fotografo acquedolcese torna alla Casa delle Culture in una personale dedicata ai ritratti.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017