La moltiplicazione dei generi

Come allora, anche oggi risulta molto difficile contenere e limitare una pellicola cinematografica ad un solo genere, semmai si potranno trovare argomenti diversi sconfinanti in più generi.

In molti paesi, soprattutto in Italia, venne introdotto nel tempo un genere che apparteneva solo alla filmografia nazionale e che prese il nome di “cinema popolare”: fu il caso degli “spaghetti western” in Italia, dei film mitologici indiani, dei racconti della vita di paese (heimatfilm) in Germania. Come allora, anche oggi risulta molto difficile contenere e limitare una pellicola cinematografica ad un solo genere, semmai si potranno trovare argomenti diversi sconfinanti in più generi.

Infine, compilate per lo più da storici e studiosi del cinema, esistevano le così dette “etichette” o denominazioni che servivano ad identificare la derivazione di una particolare fonte culturale, estetica, sociale o una particolare struttura del film: il cinema d’autore, espressionista, delle arti marziali, il cinema dei telefoni bianchi, e tante altre correnti.

L’importanza della denominazione “genere” agli esordi della filmografia del cinema muto, diventò anche facilmente riconducibile ai film comici. Quella della comicità si fece infatti una delle strade maggiormente percorse dal cinema pionieristico e, alimentata in seguito dai primi produttori, registi, realizzatori, scenografi e attori, diventò nei primi anni del novecento una di quelle più visitate. Le basi dell’industria cinematografica furono gettate: industria che, essendo basata sulla lunghezza del metraggio della pellicola che si andava via via dilatando, riconosceva al genere comico pari dignità di altri generi ritenuti più “seri”: come per esempio il genere drammatico, in costume, lo storico, di guerra.

 


Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
Alla Casa delle Culture si svolge Sabato 14 Ottobre la Giornata del Contemporaneo
Inaugurazione Domenica 8 Ottobre 2017 ore 18.00 - Casa delle Culture
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017