Razionalismo e Astrattismo in mostra a Milano

"...i quadri figurativi non potranno più stare sulle pareti delle case razionali..." Milano 1935. Questa è l'affermazione "rivoluzionaria" di alcuni artisti sacerdoti dell'idea astratta. Le opere di quel fertile periodo oggi ritornano a Milano in occasione del fuori Salone del Mobile.

...i quadri figurativi non potranno più stare sulle pareti delle case razionali...

Questa è l'affermazione estrema gettata nello stagno del conformismo degli anni trenta da un gruppo di artisti a Milano dove, da varie parte d'Italia, erano convenuti come evocati dal sacerdote dell'idea astratta, Carlo Belli.

Ed  è  a  Milano che il seme dell'arte astratta trova il terreno fertile per svilupparsi grazie all'incontro decisivo con l'architettura  Razionalista del giovani neolaureati del Gruppo 7.

Il Bar Craja, la Galleria del Milione e la rivista Quadrante sono i terreni dove le nuove idee vengono dibattute e confrontate con i più vari movimenti culturali dell'epoca, dove Mauro Reggiani, Fausto Melotti,  Luigi Figini e Gino Pollini discutono di pittura, scultura, architettura, letteratura e musica.

Nel 1935 Gian Marco Manusardi e Pino Ferrario, giovani imprenditori milanesi, sono affascinati dalla nuova poetica e si rivolgono ai comuni amici Luigi Figini e Gino Pollini per arredare in stile razionalista la loro casa. E' significativo che anche Figini nel 1935 abbia completato la costruzione della sua casa al Villaggio dei Giornalisti, tutt'ora in perfetto stato di conservazione, nella quale sono quintessenziate tutte le componenti della poetica razionalista ed astratta di quel periodo.

 

L'arredamento Manusardi ha avuto una sua continua evoluzione ma, seppure usurato e disperso, è stato ritenuto ancora oggi presentabile dagli organizzatori di questa mostra. Se la componente “masserizie” dell'arredamento può apparire modesta, rifulgono gli apporti degli artisti astratti Mauro Reggiani e Fausto Melotti, non opere isolate, ma inserite nella loro originale e perfetta ambientazione d'epoca che ne fanno un tutt'uno con l'opera di Figini e Pollini. 

 

Una mostra al Fuori Salone del Mobile organizzata da Manusardi  ArtPhotoStudio – Via Tortona, 26

dall' 11  al  17 aprile 2016  -  orari di apertura   10  -  19

Curatore: Ingegner Giorgio Manusardi

 

Esposizioni a confronto
Uno dei quadri della personale di Carla Bruschi
"Un'inquieta sernità del visibile", la mostra curata dal Critico d'Arte Lorenzo Bonini alla Umanitaria di Milano
Paesaggio N.8, acquarello su cartoncino, 36x51 cm, 2015
Tanto più forte l'arte imita la vita, quanto più forte la vita imita l'arte.
danseur blanc I, pastello bianco su cartoncino 35x50, 2016, Canosso
La bellezza di un corpo, che innocente, balla al chiaro di luna
Dimensioni 24x32 cm, acquarello su carta, 2013.
La giovanissima Giulia Falci espone la sua prima personale alla Casa delle Culture
ACM ha aderito al progetto del Comune di Capo d'Orlando intitolato Orlando Arte. Agosto 2017
Il giovane fotografo acquedolcese torna alla Casa delle Culture in una personale dedicata ai ritratti.
La mostra "Artisti per Gaza" è ospitata dall'Università di Parma, con il patrocinio del Comune, alla Chiesa San Quirino.
08 maggio 2017